25 aprile tutti i giorni

C’è una cosa che ho fatto, qualche volta, ma che non ho mai raccontato qui sopra: ho letto dei racconti sui partigiani. Questi racconti sono tratti dall’ebook “Schegge di liberazione” nato da un’idea del Many, che è scaricabile gratuitamente (l’ebook, non il Many).

Insomma succede questo: tutte le volte che il tour di schegge di liberazione – altrimenti detto “nuova gita delle medie” – passa da Bologna, io prendo su e vado a leggere dei racconti per le persone che vengono ad ascoltare.

Mercoledì ho letto:

Eraclio – di Massimo Santamicone “Azael

A parte il fatto che non dovete crederci per forza, io vi dico solo che questa cosa qua è successa, forse decine di anni fa, e ora io ho trovato occasione di dirvela. Io non sono uno che crede alle cose. Però quando ho trovato quel foglietto giallo, lì dalle parti di San Michele, ho pensato che magari a qualcuno poteva interessare, anche se ormai di parenti ce ne saranno pochi da cercare. Poi da qui non saprei nemmeno che corriera prendere, e poi io che cosa potrei dire. Ma magari voi che avete studiato, Continua a leggere

Appunti di storia

Di quello di cui sto per parlarvi sono molto orgogliosa.

E’ un progetto che ho in mente da tanto, troppo tempo. Non mi convinceva l’idea, l’impostazione da dare, come e quanto approfondire, come raggiungere il maggior numero di persone senza scendere in discorsi troppo elementari e poi il nome e poi la grafica e poi i tag e poi come organizzare le categorie e poi come permettere una ricerca efficace e veloce…

Insomma, ormai anche i meno perspicaci avranno capito che sto parlando di un nuovo blog. Si chiama “Appunti di storia” e raccoglie la mia passione per gli avvenimenti che hanno avuto luogo, più o meno, nel secolo in cui sono nata.

C’è da dire che non è proprio proprio finito, ci sono ancora molte cose da sistemare, ma Gigi mi ha ricordato qualcosa a cui quest’anno non avevo pensato. E ho deciso che il mio nuovo blog poteva partire proprio da lì, da una lettera di Aldo Moro scritta durante i giorni del suo sequestro, e così è stato.

E’ un progetto in cui ripongo profonda fiducia, in cui spero di mettere tutte le energie possibili, che spero di veder crescere. Ci tengo tanto. Davvero. La cosa che più di tutte mi ha reso orgogliosa è stato metterlo su da sola, con le mie manine. Devo dire grazie alla guida di Andrea che pur non essendo recente è ancora utilissima. E devo ringraziarlo anche di avermi fatto, come dice lui, da paracadute tutte le volte che ho messo mani sul blog creando casini. E un ringraziamento va ad Andreas per lo stesso motivo e per esser stato bravo a non dire parolacce quando invece le meritavo.

Gli ultimi “grazie” vanno a Novecento e a Maury per aver discusso con me, passeggiando lungo la costa adriatica, sui massimi sistemi dei blog.

Commenti

Qui

l’amore è desiderio e passione. è anche questo e infinite altre cose, ognuno le proprie.
non possesso né amicizia. altro.
l’amore chiede e ascolta, vuole e non pretende, scotta le dita se non può toccare con mano. l’amore è sempre urgente anche quando deve aspettare. pretende e perdona. perché l’amore si sa vergognare di sé, non si nasconde ma si può defilare come una rivista esposta in una vetrina laterale di un’edicola. certa che un occhio sincero la sappia corrispondere.
amore è voglia di scrivere e parlare, sentire e avvicinare. correre e non sai dove. voglia di ridere, ma ridere in due. e tutto il resto pure.
è il rumore di specchi infranti che non puoi più ricomporre.
perché l’amore è tale che dopo non sai se puoi più amare.

Cadavre exquis

Cadaveri eccellenti” è un gioco collettivo che consiste nel creare un testo o un’immagine con la condizione particolare, però, che ogni partecipante ignori il contributo degli altri. Il nome del gioco deriva dalla prima frase creata in questo modo: “le cadavre exquis boira du nouveau vin” (“Il cadavere eccellente berrà il vino novello”)

Ieri sera ho provato a proporre questo gioco su Frienfeed ed hanno risposto all’appello Holdme, Novecento, Gwendalyne, Michele, Ema, Imperfezione e Zisho. Quello che hanno creato è questo:

Il vento elegante munge l’entropia perfetta
“l’acqua demenziale erge il gatto chiaro”
la condizione ghiacciata vira l’eventualità balbuziente
la settimana alta cuoce lenzuola pelose
cadavre exquis

Il vento elegante munge l’entropia perfetta mentre l’acqua demenziale erge un gatto chiaro. La condizione ghiacciata vira l’eventualità balbuziente durante la settimana alta che cuoce lenzuola pelose.